La paura

La paura: una compagna a volte scomoda

pubblicato in: Autostima | 0

La paura è un’emozione che paralizza la vita: ogni volta che ti trovi ad affrontare un problema, un nuovo lavoro, una nuova occasione di amore, essa ti impedisce di viverlo.

 

Il timore di sbagliare, di non sentirti all’altezza, di non sentirti capito, ti impedisce di crescere, di evolvere, di fare una nuova esperienza. Tutto questo crea una situazione di stallo in cui ti adagi senza fare nulla.

 

La paura è una prigione della tua mente, è un limite enorme che crea dipendenza, è una scusa che  giustifica l’immobilismo: il primo passo per uscire da questa prigione è riconoscerla.

 

Generalmente questa emozione trae origine da una infanzia vissuta con ansia: i bambini non nascono ansiosi ma lo diventano quando hanno genitori iperprotettivi.

 

La situazione può cambiare lavorando sull’educazione dei bambini, lasciando loro vivere anche piccoli “pericoli”. Arrampicarsi su un albero, saltare un muretto, giocare con un pezzo di legno: invitate i bambini a fare attenzione, a mantenere l’equilibrio, a manovrare con cautela un bastone, fate loro vedere come fare, ma non gridate mai “Così ti fai male!!! Non lo devi fare!!! Se cadi vai all’ospedale!!!”.

 

Queste espressioni minano la sicurezza dei bambini, creano ansia e paura: siate motivanti, date loro fiducia, date consigli e non divieti!!!!

Bambini cresciuti nell’ansia diventeranno adulti insicuri. Questa è una certezza.

 

Finché si è bambini è possibile intervenire e lavorare sulla sicurezza in se stessi: da adulti le cose cambiano perché la personalità ed il carattere sono già formati.

 

Vuoi cambiare il tuo approccio verso i problemi di ogni giorno? Hai voglia di vivere serenamente e senza timore il tuo nuovo lavoro? Vorresti rimetterti in gioco in una relazione senza la paura di soffrire? Scrivimi per una consulenza.

 

Lascia una risposta